[162] Gli alleati in questo caso poterono solo attaccare le basi di lancio di questi missili e gli impianti dove venivano prodotte, a Peenemünde, nel corso dell'operazione Crossbow. Più tardi, gli idrovolanti trasportati a bordo delle navi da battaglia andarono assumendo sempre maggiore importanza; il loro impiego come ricognitori (in qualche caso anche come aerei da attacco) fu lo standard sulle corazzate e sugli incrociatori di tutte le nazioni belligeranti, e in particolare poté supplire in qualche misura alla mancanza di portaerei nelle marine tedesca e italiana. Colpita al timone da un aerosilurante, la nave tedesca andò fuori controllo e fu poi finita dalle cacciatorpediniere inglesi. [26], La riorganizzazione della componente aeronautica della marina imperiale giapponese (Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu) nel corso degli anni trenta ebbe risultati migliori. [113] Il 18 aprile 1943, inoltre, i giapponesi persero quello che era probabilmente il loro stratega migliore, l'ammiraglio Yamamoto, abbattuto durante un volo di trasferimento a bordo di un Mitsubishi G4M da una squadriglia di Lockheed P-38 Lightning americani. [76] Mentre l'attività della Luftwaffe diminuiva, quella della VVS (assai meno turbata dal freddo) aumentava. [130][131], Alla fine del 1941, sul fronte libico-egiziano, le forze alleate si erano considerevolmente rinforzate con l'arrivo di diversi nuovi reparti di Hurricane, di Blenheim, di Wellington e di Beaufighter britannici, oltre ai B-17, agli A-20 e ai P-40 di produzione statunitense. Durante la seconda guerra mondiale gli aerei furono una delle forze in grado di ribaltare gli equilibri sui campi di campi di battaglia. Storici americani cercano i bombardieri abbattuti. Vennero costruiti nuovi aeroporti su cui vennero basati i reparti di caccia P-38 Lightning e Spitfire Mk.IX che rinforzarono le aviazioni alleate; esse attaccarono senza sosta le forze terrestri e navali dell'Asse, accelerando la ritirata italo-tedesca dall'Africa che si compì nel maggio del 1943 e ponendo le basi per l'attacco al territorio metropolitano italiano. [51], All'inizio dell'estate del 1940, la Germania nazista aveva praticamente completato la conquista dell'Europa continentale; i piani di Hitler prevedevano di avviare l'operazione Leone marino (l'invasione delle isole britanniche) prima dell'inizio dell'inverno, oppure di costringere al più presto il Regno Unito alla resa; in entrambi i casi per i tedeschi era necessario distruggere la RAF entro l'estate. L'Italia inviò in supporto della Luftwaffe il 22º Gruppo Autonomo Caccia Terrestre e il 61º Gruppo Osservazione Aerea, per un totale di 83 tra caccia Macchi M.C.200 e ricognitori Caproni Ca.311 (supportati da un piccolo numero di trasporti Savoia-Marchetti S.M.81). La trasvolata del 1927 di Lindberg in solitario (ricordarsi che era un aviatore del Servizio Postale degli U.S.A.!!) L'Havoc è un bombardiere bimotore monoplano ad ala media, carrello retrattile di tipo triciclo anteriore, motori raffreddati ad aria. [157], Un'altra categoria di Wunderwaffe effettivamente divenute operative furono i missili V1 (Fieseler Fi 103) e V2 (Aggregat 4). Ferdinando Pedriali, «Aerei italiani in Libia 1911-1912», Rehearsals for war: Ethiopia, Spain, and China, The Luftwaffe: Creating the Operational Air War, 1918-1940, Luftwaffe at War; Gathering Storm 1933-39, Pre-war Plans and Preparations (Chapter IX: The Movement Toward Air Autonomy), The Evolution of the Department of the Air Force, Army Air Forces Statistical Digest, World War II, Marshal Edward Śmigły-Rydz Rydz and the Defense of Poland, Why France Fell to the Nazis: The Air Component Before the War, The Bitter End, The U-boat War, 1943-1945, War in the Pacific from Pearl Harbor to Midway, The Atomic Bombings of Hiroshima and Nagasaki – Total Casualties, L'atlas des avions de la deuxième guerre mondiale, Naval Aviation Chronology in World War II, World War 2 Planes – The Advent of Modern Aviation, Forze aeree coinvolte nella seconda guerra mondiale, bombardò pesantemente la città di Rotterdam, Bombardamenti sulla Germania durante la seconda guerra mondiale, Wright Brothers Aeroplane Company – A Virtual Museum of Pioneer Aviation, Friedrichshafen (congiunto a quello di La Spezia), La Spezia (congiunto a quello di Friedrichshafen), Occupazione della Bessarabia e della Bucovina settentrionale, Fine della seconda guerra mondiale in Europa, Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, Persecuzione dei serbi durante la seconda guerra mondiale, Stupri durante l'occupazione del Giappone, Stupri durante l'occupazione della Germania, Stupri durante la liberazione della Francia, Stupri durante la liberazione della Polonia, Prigionieri di guerra giapponesi nella seconda guerra mondiale, Crimini nazisti contro i prigionieri di guerra sovietici, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Aviazione_nella_seconda_guerra_mondiale&oldid=115413754, Voci con modulo citazione e parametro coautori, Voci con modulo citazione e parametro pagine, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, (Si veda anche la bibliografia proposta da. [150] I primi lanci di paracadutisti andarono secondo i piani, i ponti vennero conquistati e nei giorni successivi le truppe furono rinforzate da ulteriori lanci di armi e materiale oltre che dall'arrivo delle colonne corazzate inglesi. Nonostante una sconfitta tattica presso le isole Salomone e una fase di alterni successi (in cui gli americani persero la Saratoga e la Hornet) la campagna si concluse con una vittoria alleata e l'inizio della fase di avanzata statunitense verso il territorio metropolitano giapponese. I Ju 52 e i Me 323 da trasporto consentirono ai tedeschi di operare un contro-sbarco, con lancio di armi e di mezzi, e gli Alleati furono messi in difficoltà da molti episodi di fuoco amico. Per l'estate i tedeschi avevano pianificato un grande attacco contro Leningrado con truppe aviotrasportate che non si concretizzò mai, mentre a loro volta i sovietici misero in piedi un efficiente corpo di paracadutisti e fucilieri avioportati. [8], Nell'estate del 1939 la forza aerea di Hermann Göring contava 4 021 aerei operativi, tra cui 1 191 bombardieri (Dornier Do 17, Heinkel He 111 e pochi Junkers Ju 88), 361 cacciabombardieri a tuffo (Junkers Ju 87), 788 caccia (Messerschmitt Bf 109), 431 caccia pesanti (Messerschmitt Bf 110) e 488 velivoli da trasporto (prevalentemente Junkers Ju 52). [60], Per strappare alle forze dell'Asse il controllo del mar Mediterraneo, gli inglesi rinforzarono il loro presidio sull'isola di Malta e contrattaccarono in Egitto, recuperando le posizioni inizialmente cedute agli italiani. A partire dal 1942 i britannici, e poi anche gli statunitensi, iniziarono a installare dei radar a bordo dei loro pattugliatori marittimi, aumentando così considerevolmente la loro efficacia anche di notte. [32] Oltre al bombardiere pesante a lungo raggio Boeing B-17 Flying Fortress, i principali velivoli terrestri in servizio nel 1941 erano il North American P-51 Mustang, il Curtiss P-40 e il Bell P-39 Airacobra. [43] I sovietici misero in campo 3 000 aeroplani, ma ebbero gravi difficoltà a sconfiggere le forze finlandesi e subirono pesanti perdite (persero 580 velivoli, di cui 280 abbattuti nel corso di combattimenti aerei); questo fu dovuto in parte alla dispersione sul territorio delle forze finniche e alla loro notevole capacità di nascondersi e di sottrarsi ad attacchi massicci, in parte all'inesperienza dei quadri di comando sovietici (la quale a sua volta era dovuta alle già citate purghe degli anni trenta) e in parte all'intrinseco valore dei piloti finlandesi. [127][N 13] A partire dalla primavera del 1945, i bombardamenti americani colpirono duramente 69 città di più di 100 000 abitanti. [117][118], L'ultimo fatto particolarmente degno di nota della campagna che, con i successi (pur pagati a caro prezzo) delle battaglie di Iwo Jima e di Okinawa, portò gli statunitensi alle porte dell'arcipelago giapponese fu l'emergere del fenomeno dei kamikaze. [158] Essa veniva guidata sul bersaglio da un autopilota e, pur non essendo precisa, era molto veloce e difficile da intercettare. [53] Con l'intenzione di logorare il Fighter Command ("comando caccia"), che rappresentava l'ostacolo principale all'ottenimento della superiorità aerea necessaria per l'invasione, i tedeschi si concentrarono sulla distruzione dei caccia inglesi e delle loro basi. Man mano che i sommergibili tedeschi diventavano obsoleti sostituirli con modelli nuovi diventava sempre più difficile, e nessuna nuova tattica di combattimento riuscì a ribaltare la situazione in favore della Kriegsmarine. Si veda, Di queste, la maggior parte (circa 200) furono dovute al fuoco amico della contraerea che, in quella zona, era schierata a difesa dei campi di lancio delle, Altre fonti parlano di addirittura 150 000 morti. Il Coronado è un ricognitore idrovolante a scafo centrale, quadrimotore ad ala alta, con due galleggianti laterali che vengono retratti all'estremità delle semiali dopo il decollo; i propulsori sono quattro Pratt & Whitney raffreddati ad aria. [24], Quando l'Impero giapponese entrò in guerra a fianco delle potenze dell'Asse, il 7 dicembre 1941, il conflitto sino-giapponese era in corso già da quasi 10 anni. [94], Il 1º luglio 1941 gli statunitensi avevano iniziato a scortare i convogli (di tutte le nazioni alleate) fino agli scali islandesi; quando, nel dicembre dello stesso anno, essi entrarono ufficialmente in guerra, le loro navi cominciarono a subire attacchi sottomarini fin sotto la costa orientale. Il Lockheed A 28 Hudson è un bimotore da ricognizione, monoplano ad ala media, propulso da due motori radiale Pratt & Whitney o Wright a seconda delle versioni. Martin B-26 Marauder. I principali velivoli della marina erano, oltre ai caccia Zero, gli aerosiluranti Nakajima B5N e i bombardieri in picchiata Aichi D3A. Gli aviosbarchi alleati andarono male, e furono contrastati duramente dai soldati italiani e tedeschi. Il massiccio riarmo tedesco proseguì alla luce del sole; è particolarmente degno di nota il coinvolgimento del reparto d'élite della Luftwaffe Legione Condor nella guerra di Spagna tra il 1936 e il 1939. [38] Sotto la protezione degli aeroplani da caccia, i quali garantivano l'assoluta supremazia aerea, i bombardieri tedeschi (specialmente i goffi ma precisi Ju 87 Stuka) distrussero la gran parte delle infrastrutture militari polacche e colpirono violentemente anche le città; nel frattempo le colonne di mezzi corazzati annientavano le forze terrestri, anche qui con la collaborazione e l'appoggio dei bombardieri in picchiata. Africa e Medio Oriente Alcuni dei suoi piloti avevano già una considerevole esperienza di combattimento, acquisita in Spagna o in Mongolia (dove i sovietici avevano affrontato le truppe giapponesi già padrone della Manciuria nei sanguinosi scontri che vanno sotto il nome di incidente di Nomonhan). Le circa 8 000[159] V1 lanciate su Londra a partire dal giugno 1944 uccisero almeno 2 500 persone. [141] Ciononostante la difesa tedesca all'altezza del Garigliano non cedette, e nel vano tentativo di sbloccare la battaglia di Montecassino, gli Alleati bombardarono violentemente un'abbazia del XVII secolo, passando poi all'attacco aereo del villaggio di Cassino.[141][142]. [83][84] Inoltre, nella seconda metà del conflitto nelle file della VVS militarono anche velivoli occidentali, prestati o affittati all'URSS in base al programma interalleato "Lend-Lease": soprattutto Bell P-39 Airacobra e North American B-25 Mitchell statunitensi e Hurricane e Spitfire britannici. [110][111] Nonostante la perdita della Yorktown, la battaglia di Midway costituì una vittoria fondamentale per gli Stati Uniti: essi, riuscendo a distruggere gran parte delle portaerei nipponiche, arrestarono definitivamente l'avanzata del Giappone e minarono a fondo la sua capacità di continuare a combattere efficacemente sul mare. Pur a costo di pesanti perdite, invece, la battaglia di mezzo agosto permise agli alleati di far arrivare sull'isola importanti rifornimenti, che le consentirono di resistere per poi contribuire alla disfatta tedesca in Africa. [144], Pesanti bombardamenti contro le installazioni radar e le fortificazioni del Vallo Atlantico prepararono l'invasione nei primi giorni del giugno 1944, colpendo le vie di comunicazione nel tentativo di isolare la Bassa Normandia. [134] L'operazione Herkules per lo sbarco a Malta avrebbe dovuto essere lanciata congiuntamente da tedeschi e italiani come una grande invasione con truppe paracadutate, aviotrasportate, da sbarco e di fanteria; invece venne cancellata, perché i successi di Rommel contro le truppe inglesi di terra avevano reso verosimile, agli occhi dei comandanti dell'Asse, la possibilità di annientare le forze alleate in Nordafrica in breve tempo. Hitler (mentre sul piano politico convinceva Bulgaria, Romania e Ungheria ad allearsi con lui) invase militarmente la Jugoslavia (si ricorda il bombardamento di Belgrado del 6 aprile); dalla Jugoslavia le truppe tedesche passarono rapidamente in Grecia, dove si unirono a quelle italiane. Intorno a Kiev, i tedeschi cominciarono a subire gli attacchi dei velivoli Il-2 e Pe-2 accompagnati da caccia Mikoyan Gurevich e Yakovlev di nuovo modello. [119][120], All'inizio della guerra, per evitare di generare un'escalation degli attacchi aerei strategici e per non contrariare il presidente statunitense Roosevelt (che aveva chiesto a tutte le nazioni in guerra di non usare l'aviazione come un'arma di terrore) fino al maggio 1940 gli alleati si limitarono a impiegare i bombardieri per attacchi antinave o per il lancio di volantini. I rottami di aeromobili e carri armati sono stati "riciclati". [52] Incapaci di avere ragione del Fighter Command di sir Hugh Dowding, la cui capacità di resistenza era stata sottovalutata, i comandanti della Luftwaffe videro gradualmente sfumare la possibilità di ottenere la superiorità aerea sopra il Regno Unito;[52] il 17 settembre Hitler rimandò a tempo indefinito l'invasione,[54] decretando sostanzialmente la sconfitta della Luftwaffe nella battaglia d'Inghilterra. Tuttavia, verso l'inizio del 1940, l'URSS riuscì ad acquisire il dominio dell'aria e, grazie a pesanti bombardamenti (anche sulle città) e grazie alla cooperazione di forze aeree e terrestri coordinata dal generale Timošenko, ottenne la resa della Finlandia il 13 marzo 1940. I Gloster Meteor, i primi jet operativi inglesi (e gli unici a entrare in servizio prima della fine del conflitto) contribuirono con successo alla lotta contro le V1. Armee nell'area di Stalingrado. Tuttavia, sempre facendo affidamento sulle truppe aviotrasportate supportate dai cacciabombardieri Bf 110, i tedeschi riuscirono ben presto a occupare l'aeroporto di Sola-Stavanger e quello di Fornebu, presso Oslo. Essi avrebbero dato origine ad aeroplani da attacco al suolo come gli Il-2 e i Pe-2 e a caccia come i MiG-1, i LaGG-1 e gli Yak-1 (che avrebbero presto soppiantato gli I-16). [127] Nell'estate del 1944 erano cominciati i raid diurni ad alta quota dei B-29 basati in India, ma essi avevano sortito effetti limitati. La squadra aerea vola su Malta bombardando la terraferma. Tuttavia, in modo piuttosto inatteso, il 7 settembre l'offensiva cambiò obiettivo e cominciò a concentrarsi sull'attacco alle città (iniziò così il cosiddetto Blitz). Flieger-Division del generale Kurt Student: essa era composta sia di paracadutisti da lanciare sulle posizioni nemiche con aerei da trasporto (tipicamente Ju 52) sia di fanti da sbarcare direttamente nel luogo dell'attacco per mezzo di alianti (come i DFS 230). [148], Un altro sbarco, destinato a dividere la reazione tedesca, ebbe luogo nella Francia meridionale il 15 agosto. Questo, insieme l'inesperienza dei giovani piloti, contribuì in misura considerevole al fallimento dell'operazione. Contava 105 430 uomini, tra cui 6 340 piloti e 3 260 velivoli, di cui meno di 2 000 erano effettivamente in grado di combattere. Queste scelte, però, avrebbero penalizzato l'efficienza della Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu durante il conflitto mondiale: in effetti il fronte della Manciuria e della Siberia non fu mai teatro di guerra, se non per pochi giorni nell'agosto 1945; i combattimenti contro gli statunitensi si svolsero prevalentemente nel Sud-est asiatico, un teatro caratterizzato da spazi molto ampi e climi caldi. [132] Nonostante il supporto fornito alle truppe terrestri di Rommel dai reparti della Luftwaffe e della Regia Aeronautica schierati a Creta, l'offensiva inglese consentì la conquista di Tobruch e costrinse la Wehrmacht a una ritirata strategica. Il 24 aprile la Grecia firmò la resa, e il giorno successivo Hitler autorizzò l'operazione Merkur per l'invasione di Creta. Tuttavia in questa fase i caccia erano per lo più obsoleti biplani I-15 o I-153 o monoplani I-16, i bombardieri erano in maggioranza altrettanto anziani SB-2 o TB-3. I bombardamenti notturni su obiettivi industriali poco oltre la linea del fronte furono portati avanti, in numero relativamente ridotto, solo quando la linea del fronte aveva ormai raggiunto la Polonia e la Prussia orientale. Aerei americani abbattuti tra Barletta e Manfredonia Una nave oceanografica li cercherà al largo delle coste pugliesi [75], In autunno, i tedeschi si trovarono ad aver portato a termine un'avanzata di 1 000 chilometri; avevano annientato tre armate sovietiche, isolato Leningrado e inflitto una serie di pesanti sconfitte all'Armata Rossa. Gli attacchi di questo tipo erano particolarmente letali, perché il loro effetto era dovuto all'impatto di un intero aereo con tutto il carburante e le bombe a bordo, ma in effetti furono relativamente pochi quelli che andarono a buon fine, e la maggior parte dei kamikaze venne abbattuta dalla contraerea o dai caccia di scorta. Sostituiti la maggior parte dei Gladiator con moderni Hurricane, la RAF sopraffece in breve la Regia Aeronautica e tra il 9 settembre e i primi di dicembre si spinse a ovest fino a conquistare tutta la Cirenaica. [151], A questo punto, comunque, la superiorità incontrastata degli Alleati nel dominio dei cieli aveva reso gli sforzi dell'Asse quasi del tutto vani. ... vennero abbattuti dai caccia di scorta alleati, circa 60 tornarono indietro per guasti tecnici e furono effettuate [135], Grazie a un importante contributo dell'aviazione da bombardamento tattico, Rommel si era aperto la via verso l'Egitto nella battaglia di Bir Hacheim del maggio-giugno 1942. A livello teorico, in Italia erano forti le divergenze tra "douhettiani" (sostenitori, come Giulio Douhet, della dottrina del bombardamento strategico) e "mecozziani" (fautori, come Amedeo Mecozzi, dell'aviazione da assalto); la polemica tra queste due posizioni consumò parecchio tempo e considerevoli energie.[19]. [154] Progetti per velivoli militari a reazione furono pronti per il 1941, ma Hitler in persona insistette affinché il promettente progetto del Messerschmitt Me 262 venisse sviluppato non come caccia ma come bombardiere. ... testimonianze sull’abbattimento di due aerei da guerra diretti nella zona di Campo di Trens verso la fine della Seconda guerra mondiale. [33], Per quanto riguardava l'aviazione navale, gli Stati Uniti si erano dotati di una flotta di tutto rispetto con la costruzione, alla fine degli anni trenta, delle portaerei USS Yorktown e USS Enterprise. Tuttavia, a causa delle difficilissime condizioni meteorologiche, della carenza di aerei da trasporto e dell'interferenza aggressiva dell'aviazione da caccia sovietica, che disponeva di una netta superiorità aerea, il ponte aereo (che, oltre le perdite legate alla battaglia terrestre, costò ai tedeschi 490 aerei da trasporto e oltre 2 500 tra piloti e uomini di equipaggio) non raggiunse il suo scopo (solo una media di 100 tonnellate di rifornimenti giunsero giornalmente a destinazione) ed ebbe anzi effetti disastrosi sulla Luftwaffe, dai quali "l'aviazione tedesca non avrebbe più avuto modo di riprendersi". [149], L'operazione Market Garden, iniziata il 17 settembre 1944, si avvicinò ad essere per gli Alleati una grave sconfitta. 1 000-1 500 aerei tedeschi vennero schierati contro un numero triplo di velivoli sovietici. [64], Nel dicembre 1940 il X. Fliegerkorps, un corpo aereo tedesco equipaggiato con caccia e bombardieri (He 111, Ju 87, Ju 88, Bf 109 e Bf 110), venne inviato in Sicilia per assistere gli italiani a contrastare la flotta inglese tra Malta e la Libia. [25] Alla fine del 1941 l'esercito disponeva, complessivamente, di circa 1 500 velivoli, dislocati tra Cina, Manciuria, Siberia, e Filippine. [50] La Francia capitolò il 22. Anche se gli obiettivi principali non erano stati raggiunti, la nuova testa di ponte nei Paesi Bassi era un buon trampolino per l'invasione della Germania, che venne portata avanti nella primavera del 1945. Nonostante la lieve superiorità tecnica dei tedeschi, essi faticavano sempre di più a rimpiazzare i caduti con nuovi equipaggi ben addestrati; Sebastopoli cadde anche grazie al contributo dell'"artiglieria volante" (Ju 87 e Ju 88), e l'esercito tedesco arrivò in breve tempo fin quasi alla Crimea; tuttavia, giunta ai piedi del Caucaso, a Tuapse, l'avanzata rallentò fino a fermarsi a causa del continuo martellamento delle sue colonne da parte dei Pe-2 e degli Il-2 della VVS: fu così decretato il fallimento dell'operazione. Liddel Hart, Storia Militare della Seconda Guerra Mondiale, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1970 ; Ali Tricolori (Rivista Aerei nella Storia), West-Ward Edizioni, Parma, 2002. L'apertura di questo nuovo fronte mise in difficoltà le forze armate italiane, che si trovarono a dover operare su terreni impervi e sconosciuti in una stagione di cattivo tempo; inoltre, parecchie unità aeree precedentemente dislocate in Nordafrica dovettero essere spostate in Grecia, aggravando la già critica posizione italiana in Libia. Gli olandesi erano sostanzialmente pronti per ricevere le truppe naziste, e avevano schierato uomini, contraerea e aeroplani (prevalentemente caccia Fokker D.XXI) a difesa degli aeroporti. [71] Nel 1941 l'aviazione e l'industria aeornautica sovietica iniziavano a riprendersi dalle purghe degli anni trenta, ma l'invasione arrivò prima che fossero del tutto preparate; comunque, la guerra in Finlandia aveva fatto acquisire qualche esperienza ai comandanti e nel frattempo avevano iniziato ad entrare in servizio aerei innovativi come il bombardiere bimotore Petlyakov Pe-2 e l'aereo d'assalto Ilyushin Il-2 Šturmovik. [143] La III. [34] I principali aerei imbarcati della US Navy all'epoca di Pearl Harbor erano il Douglas SBD Dauntless, il Brewster F2A Buffalo e il Grumman F4F Wildcat;[35] nel 1940 la US Navy disponeva di 7 portaerei (più una portaerei leggera), di 21 600 uomini (di cui 5 900 piloti) e di 5 233 aeroplani, inclusi i velivoli da addestramento e di seconda linea. La Seconda guerra mondiale è l'attesissimo sequel della prima guerra mondiale, un blockbuster che oggi continua a guadagnare fan e scienziati pazzi che vorrebbero costruire una macchina del tempo per avvisare Hitler di quanto fosse coglione. L'operazione si basò in gran parte sull'impiego delle truppe aviotrasportate della 7. Gli americani però avevano intercettato le comunicazioni dei giapponesi, e si erano preparati all'attacco. DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Sonderkommando Elba -- i kamikaze - ... sepolti sotto le macerie di Dresda, distruggete gli aerei americani ad ogni costo !”. [68], Comunque, i tedeschi non poterono approfittare a fondo dell'importante base strategica che si erano assicurati conquistando Creta, perché gran parte delle forze della Luftwaffe dislocate in Grecia furono richiamate in Germania da Hitler per prepararsi alla già pianificata invasione dell'Unione sovietica: l'operazione Barbarossa.